Dipartimento d'Ingegneria

Cianetti Filippo

Cianetti Filippo

He received the Eng. degree from the University of Perugia (Italy) in 1990. He became Assistant Professor of Machine Design at the same University in 1992 and in 2002 became Associate Professor. Now, He's Lecturer within the Department of Engineering of the University of Perugia. His research interests include dynamic simulation, multibody simulation, finite element analysis, fatigue mechanics, random loads fatigue, comfort evaluation, motion sickness analysis.
He is ASME and AIAS (Italian Association of Stress Analysis) member and member of the National Committee of Machine Design Researchers and Professors of Italian Universities.
Website URL: www.caedii.unipg.it Email: This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

Additional Details

  • Phone
    075 585 3728
  • Role
    Professore associato - Associate professor
  • Area
    Progettazione industriale, costruzioni meccaniche e metallurgia - Engineering design and metallurgy
Tuesday, 23 May 2017 09:09

SOFTWIND - PRIN 2015

SOFTWIND - PRIN 2015 

www.softwind.it

E' on line il sito web del PRIN 2015 finanziato dal MIUR, Progetto di Ricerca di Interesse Nazionale dal titolo "SOFTWIND turbines" Il progetto coordinato a livello nazionale dall'Università di Camerino vede Perugia tra le quattro unità componenti il team di ricerca.
Il gruppo del nostro Ateneo è coordinato dal Prof. Filippo Cianetti e composto inoltre dal Prof. Francesco Castellani. Si occuperanno di modellazione multicorpo, di modellazione orientata al controllo dei generatori e di valutazione del comportamento a fatica di queste complesse macchine.
La finalità del progetto è quella appunto di minimizzare la danneggiabilità dei generatori e delle strutture nel loro complesso controllando l'assetto delle pale durante il loro funzionamento e sviluppando materiali innovativi per la loro realizzazione e sensori altrettanto smart da poterne misurare le prestazioni strutturali durante il loro funzionamento.
“Arrivano i robot, anzi sono già arrivati, in silenzio. La robotica spigata ai giovani studenti” è il titolo dell’incontro organizzato dall’Accademia Properziana del Subasio di Assisi, in collaborazione con l’Università degli Studi di Perugia. Vi hanno partecipato, nell’Auditorium di Santa Maria degli Angeli, i ragazzi delle scuole superiori del Comune di Assisi, affascinati da un tema altamente innovativo e di carattere scientifico e che hanno potuto “giocare” con una serie di robot e applicativi portati dai docenti dell’Ateneo perugino.

Settore nel quale l’Ateneo di Perugia presenta autentiche eccellenze e prestigiose collaborazioni nazionali e internazionali che i suoi ricercatori (in particolare quelli del Dipartimento di Ingegneria) intrattengono con successo ormai da anni con aziende ed enti di ricerca nella robotica e non solo.

Il professor Giorgio Bonamente, presidente della Properziana, ha sottolineato come l'Accademia svolga attività culturale e scientifica a livello internazionale, stabilendo rapporti di cooperazione con studiosi e ricercatori di Università non solo italiane, ma anche europee ed extraeuropee; fra queste l’Ateneo di Perugia con il quale è stato avviato un percorso di fattiva collaborazione.

Presenti il Rettore Franco Moriconi, i docenti delle aeree dell’Ingegneria Meccanica e di quella della Elettronica e dell’Informazione, i professori Paolo Valigi (docente di Robotica e Macchine Learning) e Filippo Cianetti (docente di Progettazione e Costruzione di Macchine), giovani collaboratori, laureandi e studenti universitari; ulteriori testimonianze sono state quelle dell’Ing. Stefano Pagnottelli (SIRALAB s.r.l.) e dell’Ing. Simone Salvatori. Intervenuti, inoltre, il sindaco Antonio Lunghi e Mario Ferrini, vicepresidente dell’Accademia Properziana del Subasio.

Il Rettore Moriconi ha evidenziato, guardando all’attività sui robot, quanto innovativa e prestigiosa sia l’offerta formativa dell’Ateneo, rimarcando la volontà di rafforzare il collegamento tra la formazione universitaria e la formazione professionale erogata nel territorio.

“Siamo forse di fronte a un era in cui lo sviluppo del vivere quotidiano, spinto dall’introduzione capillare della robotica, subirà una evoluzione impulsiva e drastica i cui scenari futuri non sono prevedibili, proprio come nell’era cambriana, dove lo sviluppo degli organi della vista negli esseri che frequentavano la nostra Terra impresse una spinta evolutiva che non ha avuto eguali in tutto il corso dell’evoluzione” ha detto il professor Valigi.

“La nostra capacità di formazione non è seconda a nessun altro Ateneo del territorio nazionale come dimostra l’attività nell’ambito dei robot – ha aggiunto il professor Cianetti -. E' troppo tempo ormai che il richiamo sia degli Atenei di fuori regione o delle aziende anche estere ci priva di questi brillanti giovani. Dovremmo essere più incisivi e costanti nel far sapere al nostro territorio, enti e mondo industriale, cosa sappiamo fare e quale è il livello di apprezzamento che abbiamo al di fuori dei nostri “confini”".

Significati gli interventi  di Pagnottelli (testimone di una storia di successo: uno spin-off universitario dal quale è nata una realtà industriale del territorio umbro che si è affermata come eccellenza nel territorio nazionale) e Salvatori (giovane neo laureato che ha fatto della multidisciplinarità del tema della robotica la firma della sua attività di ricerca condotta nel suo percorso formativo come Ingegnere Meccanico)
This presentation show a multibody tool developed by Machine Design research group to be used in the field of Virtual Prototyping, able to allow engineers and designers to evaluate the kinematic and dynamic behavior of rigid, front suspended and full suspended bikes through a paramtric, non linear multibody model. Very interesting could be its application for the estimation of bike fatigue behaviour both in time and in frequency domain. 

Movie Link

Page 1 of 2

NOTE:

This site uses cookies, including third parties, for statistics and to help you navigate web pages. Further information available at the privacy policy page. Learn more

I understand